Chi siamo e come nasce un oggetto da collezione De Fabritiis.

Alle pendici del Monte Camicia, comprensorio del Parco Nazionale del Gran Sasso, il comune di Castelli, in provincia di Teramo, con una popolazione di poco più di 1.200 abitanti, è il centro di una tradizione che affonda le radici in un lontano passato: quella della ceramica.

 

L’importanza di tale attività (la cui origine risale al Rinascimento anche se lo sviluppo economico e quindi urbanistico del centro abruzzese si realizza nella seconda metà del ‘500) è testimoniato dalla presenza sul territorio del borgo dal “Museo delle Ceramiche” e dal “Liceo Artistico del Design” (prima scuola in Italia a indirizzo ceramico fondata nel 1906).

 

Dopo tanti secoli, la produzione ceramica artigianale rappresenta ancora oggi il fondamento del benessere dell’area, che per il suo tramite si giova anche di un flusso turistico costante.


È proprio il carattere artigianale delle nostre produzioni a tenere in piedi l’economia della zona, capaci come sono di resistere meglio di quelle industriali alla presente congiuntura economica, le cui collezioni di maioliche foggiate e dipinte a mano sono espressione di una intensa attività di studio e ricerca, nonché di una capacità realizzativa che l'azienda De Fabritiis, tra le più versatili e propositive di Castelli, ha sviluppato nell’arco di quattrocento anni di storia familiare.

 

L'azienda, di padre in figlio, oltre all’accelente capacità di riproporre ed elaborare le gloriose maioliche castellane, che per sei secoli hanno dato lustro al nostro paese, si adatta al gusto delle nuove generazioni, cercando di creare, con i nostri preziosi prodotti, angoli di piacevole degustazione visiva.

 

Il decoro di punta, il Paesaggio Castellano, è il fiore all’occhiello di una vasta produzione che si sposa armoniosamente sia a un ambiente antico che moderno.

Possiamo riprodurre su maiolica qualsiasi decoro o foto da voi richiesta.

 

Saremo felice di una vostra visita preso la nostra Officina Ceramica.

Vi faremo riscoprire tutta la poesia e la spettacolarità dei vari step della complessa e laborosia lavorazione artigianale della maiolica.

Le 5 fasi della lavorazione.

Premettiamo che il prodotto si chiama, maiolica, ed è un tipo di vasellame caratterizzato da uncorpo poroso cotto, rivestito per immersione da un smalto stannifero e ricotto.

Le argille usate nel processo di lavorazionesono sono di due tipologie, argilla bianca e argilla rossa, quest'ultima può variare la sua colorazione in base alla quantita di ossido di ferro presente.

 

 

1°fase: Elaborazione del manufatto dal compenente principale della

maiolica, l'argilla, attraverso:

- foggiatura

- stampatura

- pressatura

- colaggio

 

Dopo aver rifinito l'oggetto, si procede all'essiccazione, che può variare da qualche giorno a qualche settimana a seconda delle stagioni.

 

2° fase: Ad essiccazone ottimale avviene la prima infornatura degli 

oggetti. Il procedimento, molto delicato, prevede la totale purificazione  mediante la cottura ottimale dell'oggetto. il tutto avviene in 12/13 ore con un picco massimo di 1000° C.

 

3°fase: L'oggetto viene smaltato a temperatura ambiente. Viene

immerso in un bagno di silice, stagno, quarzo, caolino, etc.  

Rimosse le gocce e/o buchi creati attraverso tale procedimento, viene timbrato con logo De Fabritiis, Dipinto a Mano e Marchio di Castelli. Si procede alla pittura mediante pennelli per ceramica, il tutto dipinto a mano senza spolveri come linee guida.

 

4° fase: Appena decorati, gli oggetti prevedeno una seconda cottura,

 per 8/9 ore ad un picco finale di 920°C.

 Aperta la porta a forno freddo si avranno manufatti pronti per 

 essere commercializzati.

 

5° fase: Dopo un'attento controllo l'oggetto a seconda delle richieste del

 cliente potrà rimanere lucido o subire un  invecchiamento a   

 freddo.

 

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Ceramiche DE FABRITIIS M. e C. S.n.c. Villaggio artigiano - 64041 Castelli (TE)